Archivio > Eventi, Esperienza Utente > Singolo: Aprono le registrazioni all’UX Camp Italia 2009!

Aprono le registrazioni all’UX Camp Italia 2009!

User eXperience Camp Italia 2009, Firenze Fortezza da Basso, Festival della Creatività.

Finalmente, dopo tanta fatica e una continua corsa contro il tempo, siamo riusciti ad aprire le registrazioni allo User eXperience Camp Italia 2009!

UX Camp Italia è un barcamp tutto italiano incentrato sulle tematiche dell’esperienza utente (in inglese più correttamente: user experience). La tagline sul sito ufficiale recita:

Vivere in spazi più confortevoli, rendere gli oggetti più semplici da usare, adattare i servizi alle esigenze del singolo.

Ne ho parlato più volte su questo blog, quando le porte non si riuscivano ad utilizzare, oppure quando le prime lezioni di guida erano un inferno, ma anche quando ho voluto riflettere sul senso della metafora e delle immagini nel contesto della comunicazione.

Siamo continuamente in contatto con oggetti e persone che influenzano il nostro comportamento, il nostro modo di reagire nei confronti dell’ambiente. Questo continuo contatto si cristallizza nella memoria sotto forma di ricordi, sensazioni, esperienze. Accade quando parliamo con una persona che ci fa sentire a nostro agio, quando ci sediamo su un divano tanto comodo da farci cadere in un sonno profondo, quando non riusciamo a smettere di leggere un libro perché scorre che è un piacere, quando quello stupido pulsantino su una pagina web è tanto seducente da constringerti a cliccarci sopra.

Ma allora, se continuamente viviamo delle esperienze, perché parlare di utente? Possiamo definirci utenti in molteplici contesti: quando utilizziamo un oggetto, ci muoviamo in uno spazio, usufruiamo di un servizio. In effetti, pur non accorgendocene, siamo utenti in molti più casi di quelli che ci aspetteremmo. Il fulcro del discorso, però, è sempre quello: interagire con l’ambiente. Non importa quanto ben delineate siano le motivazioni dietro ad ogni nostra azione. Il punto è: come rendere l’esperienza umana, in particolare quella dell’uomo nelle vesti di utente, più gratificante possibile?

É a questo punto che subentra quella che viene chiamata la progettazione dell’esperienza utente (in inglese: User eXperience Design). Dal sito ufficiale dell’UX Camp Italia:

Progettare l’esperienza utente significa impegnarsi affinché l’utente viva, a prescindere dal contesto, la miglior esperienza possibile.

Risulta chiaro quindi che questa è una disciplina composta non tanto da vere e proprie regole, quanto più da analisi, ricerche sul campo, soluzioni creative. Si osserva il comportamento dell’utente nello specifico contesto per capire in che modo avviene l’interazione con l’ambiente e che tipo di esperienze ne risultano.

L’ambiente di cui parlo può essere uno spazio fisico (come un museo), ma anche digitale (come quello entro cui ci muoviamo quando scorriamo le canzoni del nostro lettore mp3), l’esperienza può essere vissuta on-line (come in un sito-web) e off-line (come nel mondo virtuale del vostro GdR preferito). Ecco perché ci piace l’espressione a prescindere dal contesto, perché non vogliamo escludere nessuna situazione.

Eppure, nonostante la nostra passione travolgente per questi argomenti, continuiamo ad essere i primi a vivere le solite frustrazioni di fronte a oggetti, spazi e servizi che, nati con l’intento di semplificarci la vita, di fatto ce la complicano e basta. Con la differenza che, ora, abbiamo acquistato consapevolezza: la maggior parte di queste frustrazioni originano da errori di progettazione.

Ma allora, perché anche le cose semplici diventano complicate? Perché quello che dovrebbe essere facile risulta sempre così difficile? Perché chi progetta non si sensibilizza nei confronti di concetti quali l’ergonomia e la semplicità d’uso? Non abbiamo una risposta a queste domande, ma possiamo invitarvi a discuterne assieme. UX Camp Italia è aperto a tutti, progettisti e sviluppatori, la­vo­ra­tori e studenti, ap­pas­sio­nati e profes­sionisti, giovani e non. E, chi lo sa, magari le soluzioni più creative vengono fuori quando ci si apre al confronto. ;)

Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensate, sin da subito. Come al solito il vostro feedback è preziosissimo, quindi fate sentire la vostra voce e diteci se avete pensieri a riguardo. E se poi avete sete, venite a salutarci il 4 Luglio a Firenze di fronte a un bell’aperitivo! Vi aspettiamo. :)

Approfondimenti

L'articolo è stato di tuo gradimento? Puoi controllare che vi sia altro di tuo interesse nelle categorie e , oppure iscriverti al notiziario RSS e seguirmi su per restare sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni.

Pubblicato mercoledì 01 luglio 2009.

Discuti

Il blog è in sola lettura.

Paginatura: