Archivio > Esperienza Utente > Singolo: Il signor “Nonfarmipensare” e il telecomando di WebVeloce

Il signor “Nonfarmipensare” e il telecomando di WebVeloce

Il signor Nonfarmipensare è un signore stanco e stressato dal lavoro. Quando torna a casa ama rilassarsi al computer e guardare in televisione telefilm polizieschi e partite di pallone. Il caso vuole che il signor Nonfarmipensare abbia stipulato un contratto con la società WebVeloce, che gli fornisce un pacchetto internet + telefono + tv. Il signor Nonfarmipensare è felice del prezzo, ma ogni tanto capita che la televisione non si veda e quindi debba chiamare il centro assistenza di WebVeloce per farsi spiegare qual è il problema. Quelli sono in gamba e nel 99% dei casi lo risolvono. Quando non ci riescono, arrivano a casa e ti cambiano la StazioneVideoSuperFiga in quattro e quattr’otto, compreso il telecomando.

Il signor Nonfarmipensare è felice e sta guardando i mondiali. Germania-Argentina. Partitone. Tiri di collo, calci lunghi, rimpalli e colpi di testa, e ancora tiri in porta. Poi l’arbitro manda tutti a prendere un tè caldo e succede che il signor Nonfarmipensare, tutto fomentato per la partita, vuole cambiare canale per vedere cosa gli offre la StazioneVideoSuperFiga. Digita il tasto “1” sul telecomando, poggiato sul tavolo, e lo tiene premuto per comporre la cifra “121”. Il telcomando si inclina verso sinistra e il dito del signor Nonfarmipensare schizza via. Nel frattempo la StazioneVideoSuperFiga si porta diligentemente al primo canale. Ultime notizie: ritrovato vivo il cucciolo di barboncino scomparso 3 giorni fa in provincia di ChiVaPiano. «Sto bene, solo qualche graffio» abbaia il barboncino, «stavo quasi per lasciarci le ossa! … L’avete capita?».

Il signor Nonfarmipensare sbuffa e ci riprova: questa volta si concentra e fa pressione sul tasto “1” ponendo attenzione a non rimanere beffato un’altra volta. Sulla tv appare “1--”. Il signor Nonfarmipensare sorride e fa per schiacciare “2”. Il dito rimane sul telecomando, che compie un paio di brevi oscillazioni e poi si ferma, ma siccome il signor Nonfarmipensare ha delle dita grassottele il tasto “5” viene inavvertitamente premuto. Canale 125. Edoardo, il vampiro più famoso degli ultimi cinquant’anni, sta per arrivare in sala. Le ragazze in sala urlano e si strappano i capelli. «Mordimi Ed!» c’è scritto su uno dei cartelloni, mentre intanto voci di corridoio vogliono Dracula nuovo braccio destro di NanoPelato, perché ormai i soldi ce li ha già succhiati tutti.

Il signor Nonfarmipensare sbuffa ancora. Decide di alzarsi dalla sedia e andare a prendere gli occhiali per vederci chiaro, in tutti i sensi. Con precisione millimetrica compone in sequenza prima “1” poi “2”, poi ancora “1”. Finalmente il canale è quello giusto. Solo che la partita rinizia fra cinque minuti, e il canale di Cielo per i mondiali è il 205. Porca paletta.

La schiena del telecomando di WebVeloce ha una forma alquanto insolita: piatta sulla colonna vertebrale, ricurva sui fianchi. Assomiglia a uno di quei coltelli da cucina che li poggi sul tavolo e rimangono con la lama in verticale. Solo che questo è un telecomando! esclamerebbe il signor Nonfarmipensare. Ogni volta che viene premuto uno dei tasti laterali, il telecomando inizia a rollare come una nave in tempesta. Ho detto che è un telecomando! sbotterebbe, ancora una volta, il signor Nonfarmipensare. I tasti sono tutti attaccati e sono più che sensibili al tatto, rendendo il telecomando molto simile ad uno di quei telefoni di nuova generazione con la tecnologia TaccScrin. Diamine, è solo un maledetto telecomando!

Il signor Nonfarmipensare è stanco e stressato dal lavoro. Per giunta è zuppo di sudore. Vuole solo vedersi la partita in santa pace, senza pensare a niente. Ma il telecomando lo costringe a concentrarsi e, siccome il signor Nonfarmipensare è impaziente spesso il nervosismo sopravviene. Assieme al mal di testa.

Il signor Nonfarmipensare non è più felice. Vuole solo cambiare canale. Anzi, vuole cambiare telecomando.

Approfondimenti

L'articolo è stato di tuo gradimento? Puoi controllare che vi sia altro di tuo interesse nella categoria , oppure iscriverti al notiziario RSS e seguirmi su per restare sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni.

Pubblicato lunedì 05 luglio 2010.

Discussione [3]

  1. Andrea Gandino aggiunge:

    [Immagine] Segue l'intervento di Andrea Gandino

    Ahah, bel post su un’esperienza d’uso purtroppo piuttosto comune. Bisognerebbe avere la pazienza del signor Nonfarmipensare, per non tirare il telecomando giù dalla finestra!

    Il problema è che considerare la pazienza come requisito intrinseco dell’utilizzo di un oggetto non è propriamente il massimo.

  2. sistrall aggiunge:

    [Immagine] Segue l'intervento di sistrall

    Azzardo una statistica: il 90% dei telecomandi costituisce una pessima esperienza utente (anche in relazione alla qualità del software di volta in volta “telecomandato”).

    John Maeda ne parla in “Le regole della semplicità”. Se non l’hai letto, ti consiglio di farlo: si divora in due pomeriggi e dà diversi spunti sulle ragioni elementari per cui il signor Nonfarmipensare s’infastidisce e su come arginare il problema.

  3. Simone Economo aggiunge:

    [Immagine] Segue l'intervento di Simone Economo

    @sistrall: ho letto il libro di Maeda ma ammetto di non averlo apprezzato a suo tempo. Non sei il primo che me lo (ri)consiglia, quindi immagino che dovrò rileggerlo appena possibile :)

Discuti

Il blog è in sola lettura.