Archivio > Presentazione, Accessibilità > Singolo: Immagini via CSS? Ma anche no!

Immagini via CSS? Ma anche no!

L’affermazione può sembrare bizzarra. Eppure il messaggio di Derek Featherstone su 24 Ways.org, nell’ambito dell’accessibilità, è molto chiaro: è un metodo (a quanto pare) comune quello di inserire immagini tramite CSS, per abbellire gli elementi delle nostre pagine web; ciò non è sbagliato, ma a volte può portare “fuori strada”.

Le immagini, come molti sanno, dispongono dell’attributo alt (e longdesc, teoricamente più esplicativo) per fornire un contenuto alternativo ad applicazioni come gli screen readers. Lavorando tramite fogli di stile, questo discorso ovviamente non è più valido, e l’immagine non diventa nient’altro che una semplice decorazione nata per fini esclusivamente estetici.

Non vi svelo altro, buona lettura!

Approfondimenti

L'articolo è stato di tuo gradimento? Puoi controllare che vi sia altro di tuo interesse nelle categorie e , oppure iscriverti al notiziario RSS e seguirmi su per restare sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni.

Pubblicato martedì 09 maggio 2006.

Discussione [2]

  1. Luca aggiunge:

    [Immagine] Segue l'intervento di Luca

    Mi rifaccio a questo commento
    Ritengo che alcune immagini (come le icone di errore) possano essere semanticamente giuste da presentare via CSS, la scelta è relativa. Un buon esempio è quello del commento sopra citato.
    [p class="error"][strong class="desc"]Error[/strong] Your postal/zip code was not in the correct format.[/p]
    Perchè dovrei aggiungere un’immagine tramite tag img ?
    Uno screen reader si ritroverebbe con due avvertimenti di errore, uno dato dal testo alternativo dell’immagine e uno dal contenuto del tag strong!
    Ripeto, tocca a noi decidere se l’immagine ha un peso notevole sul contenuto.

  2. eKoeS aggiunge:

    [Immagine] Segue l'intervento di eKoeS

    ... tocca a noi decidere se l’immagine ha un peso notevole sul contenuto.

    Senza dubbio mi trovo d’accordo con te in questa affermazione, sebbene ci siano alcuni “ma”.
    Per risponderti mi avvalgo al commento immediatamente successivo a quello da te linkato.
    In particolare:

    WCAG 1.0 Priority 3 Guideline 14.2 “Supplement text with graphic or auditory presentations where they will facilitate comprehension of the page”

    Si può benissimo sorvolare questa linea-guida, lavorando per l’ennesima volta coi CSS, certo…
    Ma a questo punto io mi chiedo: a che scopo il gruppo HTML/XHTML ci ha fornito, tramite specifiche, la possibilità di usufruire di oggetti multimediali (fra i quali per esempio immagini e mappe, o file audio/video)?

    Ovviamente non mi riferisco a nessuno, semplicemente penso che certi codici denotano atteggiamenti davvero maniacali a riguardo: guarda per esempio chi, invaghito dalla semplicità di un div, crede di poter ricostruire una tabella perfetta a mo` di float e di clear!

    Insomma, si ha la possibilità di dialogare con l’utente tramite testo e oggetti multimediali, quest’ultimi tutti in grado di fornire un contenuto alternativo interpretabile da ogni tipo di dispositivo per la consultazione (lo screen reader rientra in questa categoria). Perchè allora emulare questo comportamento con codice decisamente poco semantico in confronto?

    Your version does this too – but with the image in the markup it is done so more universally.

    Concludendo, vorrei tornare all’ultima frase che hai scritto.
    Mi trovo perfettamente d’accordo con la tua affermazione, visto che ognuno di noi adotta determinate tecniche (che possono essere differenti) per raggiungere un certo scopo. Credo che una competizione di questo tipo, a livello di codice, sia anche giusta per osservare le relative reazioni da parte degli utenti (specialmente di chi è diversamente abile), in grado di dirci qual’è il metodo da essi maggiormente apprezzato, e quindi funzionale.

    PS: Bentornato, finalmente ti sei fatto sentire. :)

Discuti

Il blog è in sola lettura.

Paginatura: